L'Italia ha un problema di gestione del concetto di “salute mentale” che parte dalla lingua. Quello che in inglese è “mental health issue” cioè un problema di salute mentale da noi è “malato di mente”, evocando camicie di forza.
Questo induce a imporre uno stigma verso chi ha problemi di natura psicologica, come l'idea che una persona “privilegiata” debba accettare in silenzio di subire abusi e violenza psicologica perché “vada a zappare poi ne parliamo”.
E' successo con la Pellegrini, con Megan Markle che "sapeva in che famiglia andava", con la Biles che ha “i demoni nella testa” scritto così perchè appaia posseduta
Ma se non si superano questi atteggiamenti verso persone oggettivamente privilegiate difficilmente sarà possibile fare ragionamenti compiuti sulla gente “normale” costretta a vivere in solitudine il proprio disagio.

Follow

@unknow la cultura italiana è in mano a crudeli e vigliacchi che insegnano generazione dopo generazione ad essere crudeli e vigliacchi, ed è facile che nel mio cuore pensare a ‘sta menata come a una causa persa

@millenomi @unknow che poi a parlare di "demoni in testa" quando si tratta di una persona di colore, all'italiano medio gli viene in mente il voodoo e cose simili. annamo bene propio bene

Sign in to participate in the conversation
Mastodon

The social network of the future: No ads, no corporate surveillance, ethical design, and decentralization! Own your data with Mastodon!